Via igino lega 2b 00189 Roma Cassia
Piazza Giovanni Omiccioli 15-16-17, 00125, Roma Acilia
Lun-Sab 9/19:30
Orario Continuato

Istinto predatorio

L’ ISTINTO PREDATORIO

Giochi col tuo cane?” “Mi fai vedere come ci giochi?”.

Vi è mai capitato di parlare con un addestratore competente e sentirvi fare queste domande?

Queste sono le classiche domande retoriche che un addestratore dovrebbe porre a tutti i suoi clienti alla prima valutazione del cane.

Perchè?

Quello che noi possiamo vedere come un gioco, (tirargli la pallina, oppure fare tira e molla con uno straccetto piuttosto che con un manicotto), per il cane è un vero e proprio ISTINTO che lo appaga attraverso una serie di fasi che lo compongono.

Le 5 fasi dell’istinto predatorio:

  • Inseguimento: è la prima fase dell’istinto predatorio in cui viene chiamato in causa il TEMPERAMENTO. Può essere più o meno alto a seconda del cane (razza, età, ceppo d’appartenenza..), si manifesta quando una preda (gatto,pallina,scarpe o straccetto..) “scappa” o viene fatta scappare di fronte al nostro cane che inizierà a interessarsi alla stessa e ad inseguirla.

  • Cattura: Seconda fase dell’istinto predatorio che chiama in causa l’AGGRESSIVITà del cane. Anche essa può essere più o meno alta a seconda del cane (razza, età, ceppo d’appartenenza..), si manifesta quando il cane morde la preda. A seconda del cane avremo un morso più rapido e deciso nel primo (es. Lupoide) oppure una presa molto più sicura e serrata (es. Molosso).

  • Combattimento: Terza fase dell’istinto predatorio che chiama in causa l’ISTINTO ALLA LOTTA-COMBATTIVITà-TEMPRA. Può essere più o meno alta a seconda del cane (razza, età, ceppo d’appartenenza..), un molosso combatte in maniera completamente diversa da un lupoide, si manifesta quando una preda dimenandosi dalla cattura fa si che il cane debba impiegare bocca, corpo, arti inferiori, schiena e collo per controllarla.

  • Uccisione: Quarta fase dell’istinto predatorio che chiama in causa AGGRESSIVITà/COMBATTIVITà. Può essere più o meno alta a seconda del cane (razza, età, ceppo d’appartenenza..), si manifesta quando il cane uccide la sua preda.

  • Possesso: Quinta fase dell’istinto predatorio che chiama in causa la POSSESSIVITà del cane. Può essere più o meno alta a seconda del cane (razza, età, ceppo d’appartenenza..), si manifesta quando il cane ha la preda morta in bocca e inzia fiero il suo giro di possesso.

Lo stimolo chiave dell’istinto predatorio è sempre la FUGA della preda (gatto,pallina,scarpe o straccetto..). L’evoluzione comportamentale nel cane domestico si manifesta nel cambiamento radicale dello schema predatorio, che avvicinandosi all’uomo e cibandosi grazie a esso, lo porta a predare non più per “cibarsi” ma per “possedere” la sua preda, quindi anche il feticcio, non avendo più come stimolo l’odore ma bensì la fuga della preda.

Per questo è importante che l’addestratore valuti l’istinto predatorio nel vostro cane insegnadovi così a “giocare” con esso, evitando di insegnarli che il “piacere” e il “possibile manifestarsi” dell’istinto è vicino a noi e non lontano da noi, (come ad esempio tirargli la pallina, che se non fatto correttamente, insegna al cane che lontano da noi c’è la fase principale dell’istinto predatorio, il possesso, mentre vicino gli viene inibito l’istinto strappandogli dalla bocca la pallina).

Conoscere bene le fasi dell’istinto predatorio,come si manifestano e com’è il metodo migliore per far predare il nostro cane è importantissimo, per questo è bene che ci vengano insegnate dall’ addestratore al fine di evitare di inibirgli un istinto inconsciamente, (ad esempio strappare gli oggetti dalla bocca del cane in malo modo), a farlo esprimere al meglio e laddove non compaia l’istinto predatorio, perchè è stato incosciamente inibito, farlo riaffiorare al fine di equilibrare e avvicinare al meglio il binomio cane-conduttore. Perchè la condivisione di un istinto, qualunque esso sia è una cosa molto intima per il cane (come per le persone) per il quale bisogna avere un ottimo rapporto per far si che si manifesti.

Esempio: Quinta fase dell’istinto predatorio, cane con preda in bocca, coda a bandiera e giro di possesso fiero accanto/con al suo conduttore.

Grazie a G.Genovesi e S. ortenzi

Aggiungi un tuo commento